Dopo la neve, il sole!

Dopo la neve, il sole! Oggi nemmeno una nuvola era in cielo. Limpido, azzurro. Al mattino ancora un po’ freddo, ma poi l’aria si è intiepidita.

Questa notte il nostro amico ha studiato un percorso. Ci ha detto di andare sull’altopiano delle Alpe di Siusi passando per il sentiero che porta a Bulla e poi via verso i prati verdi frequentatissimi dalle mucche di alpeggio.

Il sentiero inizia subito in salita. Una salita non impegnativa, costeggia il torrente che da monte scorre verso il Rio Gardena. Arrivati in cima, dopo circa un’ora e quaranta di cammino, la vista si apre al panorama.

thumb_IMG_3933_1024

Durante la notte e la mattina la neve è rimasta aggrappata alle montagne. Ora è sparita e si è trasformata in dolce acqua per i prati e fiori e animali.

Siamo arrivati alla baita Sanon per un pranzo leggero e poi a prender il sole. Ci siamo, ovviamente, arrostiti mentre dormivamo sulle sdraio offerte dalla baita. Anche il nostro amico ha approfittato del sole su una panca.

thumb_IMG_3928_1024

Dopo aver riposato abbiamo ripreso la marcia per il ritorno a casa. Foto ricordo di questa impresa del nostro amico le potete vedere qui sotto.

thumb_IMG_3934_1024thumb_IMG_3936_1024

Al ritorno abbiamo intrapreso il sentiero dei mulini. Sono due. Crediamo ancora funzionanti per i turisti. Oggi non erano in funzione.
Arrivati alla fermata del bus, ormai euforici della camminata e per non attendere circa 40 minuti, abbiamo deciso di andare a piedi in albergo. Ultimo strappo, tipo Gran Premio di Montagna di ciclistica memoria, prima del  meritato bagno defaticante nella spa.

Domani è l’ultimo giorno di montagna chissà cosa ci organizzerà il nostro amichetto giallo.

E alla fine la neve arrivò.

Questa notte il nostro amichetto giallo non ha dormito. Aveva letto scrupolosamente siti di previsioni meteo e ci ha detto che in quota doveva arrivare la neve di agosto. Noi, ovviamente, non gli abbiamo dato tanto peso e ci siamo addormentati con la pioggia battente. Lui è rimasto in finestra.
La mattina, alle luci dell’alba, ci chiama. Era eccitatissimo. Ci svegliamo e andiamo subito in finestra e… la neve era scesa durante la notte sui monti attorno all’albergo. Spettacolo!

Abbiamo atteso la colazione, e poi subito in auto per raggiungere la stazione dei bus di Ortisei. Da lì poi in bus per Passo Gardena.
Mentre salivamo per i tornanti della strada, il paesaggio da verde diventava bianco. C’era come una linea immaginaria che delimitava il manto bianco. Ah la natura è sempre sorprendente.

Scesi dal bus, dopo un caffè al bar del passo dolomitico, ci siamo incamminati verso la chiesetta di San Maurizio costruita dagli alpini. Quanta neve attorno a noi!

thumb_IMG_3901_1024

Ecco la prima foto che lo ritrae sulla panchina affianco la chiesa. Dietro di lui potete ammirare il Sassolungo. A dir la verità così pare un pandoro morsicato in più punti con una spolverata di zucchero a velo. Noi cittadini non siamo abituati a questi scenari. Ritorniamo bambini appena vediamo un manto bianco. Infatti è scattata la solita battaglia di palle di neve.

Continuiamo a salire per un po’, il sentiero ricoperto di neve risultava pericoloso da affrontare, per fare un po’ di foto panoramiche. Eccole qui.

thumb_IMG_3904_1024

 

thumb_IMG_3903_1024

Si trova proprio a suo agio sul manto bianco. Noi un po’ goffi, a mo’ di pinguini, camminavamo sulla neve. Che bello vedere la Dama Bianca a fine agosto. Che regalo inaspettato.

thumb_IMG_3905_1024

Giornata memorabile. Stanchezza tanta e freddo atipico per la fine di agosto.
Lui dopo la passeggiata si è rintanato nella mia tasca dei pantaloni, aveva freddo. Una volta sul bus, sulla via del ritorno, ci ha chiesto di metterlo dentro lo zaino perché voleva dormire. Tra un po’ si sveglierà e troverà la meta di domani.

Merano e dintorni.

Il nostro amico, dopo aver passato una notte insonne a vedere il film la Principessa Sissi, ci ha suggerito di andare a Merano, scelta quasi obbligata per via del maltempo.
Ci siamo messi in viaggio, lui era tutto contento perché a Merano c’è la statua della Principessa, che si recava spesso in quella città.

Arrivati, ci siamo subito diretti nel centro. Cittadina carina, ricca di portici e di negozi. I nomi delle strade ricordano i luoghi antichi della città (piazza del grano, ponte della posta…).
Andiamo alla ricerca della statua della Principessa. Dopo qualche consulto sulla cartina per individuare il luogo, siamo arrivati davanti alla statua. Lui ha voluto una foto ricordo. Si è messo letteralmente ai suoi piedi.

thumb_IMG_3891_1024

Cercatelo bene nell’immagine. Se lo trovate lasciate un commento.
Continuiamo la passeggiata per le strade e lungo il fiume. D’inverno i lungo fiume diventano i luoghi dove si svolgono i famosi mercatini di Natale. Ci siamo detti di tornare per vederli e per assaporare il sano freddo oggi, invece, era molto caldo, umido e pioveva. Ah questo mal di clima.

Su un ponte sul fiume è scattata la foto ricordo.

thumb_IMG_3892_1024

Eccolo fischiettare contento. Siamo andati a pranzo qui . Pranzo ottimo. Prezzi onesti. Consigliamo di pranzare qui se vi trovate a Merano.
Nel dopo pranzo è continuata la passeggiata. Ma la stanchezza dei giorni passati si è fatta sentire e alle tre del pomeriggio viriamo verso l’albergo.

Stravolto dalla giornata cittadina sono crollato nel letto per una profondo sonno pomeridiano. Lui lo faceva dal dopo pranzo.

Col Raiser sulle nuvole.

La notte ha portato consiglio. Lui ha deciso dove andare. Ci siamo avventurati al Col Raiser arrivando in cima al Seceda.
Dopo la classica colazione nutriente, ci siamo diretti al parcheggio della funivia con l’auto. Oggi abbiamo inquinato un po’ anche se la macchina è mezza elettrica e il conteggio della Co2 emessa dovrebbe andare a pari con l’utilizzo del motore elettrico.
Arrivati sul posto, posteggiata tra le strisce bianche (ma sempre richiesto un prezzo per il parcheggio 3,50€), indossato lo zaino abbiamo preso la funivia. Lui era eccitatissimo, era la prima volta per lui in funivia, e ha voluto farsi una foto.

thumb_IMG_3823_1024

Eccolo tutto euforico. Qualche turista tedesco nella cabina lo ha riconosciuto e lui, per timidezza, è subito rientrato nella tasca. Secondo me aveva paura.
Arriviamo al punto di partenza per la nostra passeggiata, l’altimetro segna 2107 m di altitudine. Giriamo un po’ per trovare il giusto sentiero per andare sulla cresta del Seceda. Giriamo le spalle e ci si presenta un panorama mozzafiato. Lui ha iniziato a fare casino dentro la tasca e ha voluto farsi una foto.

thumb_IMG_3825_1024

Ho dovuto sacrificare la foto panoramica altrimenti si sarebbe confuso con l’erba. Iniziamo la salita. Tempo totale per il giretto, tra salita sulla cresta, discesa alla baita scelta per il pranzo, è di 2h e 2 minuti per un totale di 6 km e 330 m con un dislivello di 363m. Arrivati sulla cresta il panorama ci rapisce. Pareva di stare sul tetto della vallata. Da una parte si vedeva il Sassolungo e il Sassopiatto, il complesso del monte Sella. Dalla parte opposta, Plan de Corones colla Valle Aurina sullo sfondo.
Anche qui c’è stato il momento foto.

thumb_IMG_3827_1024

Eccolo in versione scalatore. Arrivato sulla cresta, 2450 m di altezza,  è stato anche lui rapito dall’emozione del panorama. Dopo un po’ mi chiede di metterlo nella tasca perché non riusciva più a rimanere lì e a muoversi. Secondo me soffre di vertigini, ma non lo vuole ammettere.

Scendiamo per andare a pranzo e ci fermiamo, come lo scorso anno, alla baita Daniel (qui il sito). Solita birra Weiss per integrare i sali persi durante la camminata. Pranzo a base di polenta e salsicce alla griglia, dolce della casa a base di panna cotta al fieno e frutti di bosco, grappe digestive.
Finite le grappe comincia la discesa per il parcheggio dove ci sta aspettando l’auto. Una discesa dolce, non come quella del primo giorno. Qualche tratto era ancora zuppo di fango per via della pioggia della notte. Qualcuno è scivolato inzaccherandosi. Chissà chi sarà stato?

Arrivati alla macchina, riponiamo tutto nel bagagliaio, torniamo in albergo e ci siamo diretti per un’oretta all’idromassaggio. Ci vuole dopo una fatica così. Ovviamente lui, come di consueto, ha dormito. Tra un po’ si sveglierà e sceglierà il percorso di domani.

Val d’Anna

Sta per chiudersi questa giornata. Abbastanza lunga. Oggi ci siamo svegliati un po’ tardi rispetto la tabella di marcia che c’eravamo imposti. Eravamo tutti ancora in fase di recupero energie. I dolori muscolari poi ci hanno fatto compagnia tutto il giorno ad ogni passo. La discesa di ieri è stata devastante. A fine vacanza farò un articolo con le foto che mi hanno colpito, così vi farò vedere un tratto della discesa che abbiamo fatto il primo giorno.

                                 ________________________________________________________

Stamattina dopo aver fatto colazione e aver atteso l’autobus per ben mezz’ora, uno era in ritardo e pieno e non si è fermato, il successivo era dopo una ventina di minuti ma effettuava un altro giro passando per le vie di un frazione e rischiando gli specchietti, siamo arrivati a Ortisei. Su suggerimento del nostro amico abbiamo deciso di andare in Val d’Anna. Ci ha assicurato che ci saremmo riposati dal tappone di ieri, inoltre ci ha detto che è anche un percorso romantico per via di alcune cascate.

Ci siamo incamminati verso questa valle e subito ci chiede una foto.

thumb_IMG_3761_1024

Eccolo qui, immortalato sul ponte sul torrente. Ci addentriamo per la valle per questo  cammino defaticante. Camminiamo sulla sinistra del torrente. Percorso per famiglie con al seguito passeggini, figli, cani, nonni. Insomma una strada tranquilla. Lungo il fiume incontriamo amache e panchine e giochi per bambini. Alla destra del ruscello c’è un parco avventura molto interessante. Chissà se riuscirò a convincere Lei? Ma riprendiamo il racconto. Arriviamo subito al cafè di Val d’Anna. Quindi abbiamo deciso di inerpicarci sul sentiero. In mezzo ai prati, sotto ai masi, abbiamo visto tre caprioli intenti a brucare l’erba. La merenda è durata poco, si sono rintanati nel bosco perché impauriti da un cane. Peccato non aver fatto in tempo a scattare una foto. Ovviamente lui era molto euforico, ci ha detto di continuare perché aveva letto che più in là avremmo trovato le cascate.

Sapete lui la notte, mentre noi dormiamo, legge la guida del posto, controlla la cartina IGM per poi suggerirci il percorso il giorno successivo. E’ proprio in gamba.

Continuiamo a camminare, svoltiamo e cominciamo a scendere il sentiero. In realtà notiamo che d’inverno si tramuta in pista da sci. La discesa si fa sentire, le gambe sono a pezzi. Ma arriviamo alla prima cascata. Chiedo se vuole una foto ma mi dice che la vuole a quella successiva.
Riprendiamo i passi e poco dopo arriviamo alla seconda cascata. Qui vuole immortalare il momento.

thumb_IMG_3769_1024

Eccolo nella sua meravigliosa sfrontatezza. Guardate che coraggio che ha!
Rimetto dentro lo zaino il telefono, il cappello. Lui mi chiede se può riposarsi e farsi trasportare. Lo accontento. Nel lento incedere dei miei passi sento russare dal mio zaino. E’ lui che dorme beato. Approfittiamo del suo pesante sonno per pranzare e poi tornare indietro. Siamo arrivati in albergo che lui ancora dormiva. Nel silenzio più assoluto, ci siamo infilati i costumi e siamo andati in piscina.
Ancora dorme. Chissà se riuscirà a preparare il percorso di domani?

 

E’ iniziata.

Oggi primo giorno di avventura per il nostro inseparabile compagno di viaggio. E’ voluto venire con noi a tutti i costi. Lo avevamo avvertito.
Oggi prima sgambatina di riscaldamento per i suoi muscoli. Sveglia nella norma, colazione nutriente, yogurt con frutta, caffè, acqua e frutta secca.
Pronti per la tappa odierna siamo andati a prendere il bus, vogliamo ridurre il nostro impatto sull’ambiente. Anche il nostro compagno la pensa così. Ha voluto farsi fare una foto in attesa del bus.

Versione 2

 Vanitoso. Lui lo sa. Ma è molto contento di farsi portare in giro dal sottoscritto. Una volta preso il bus, siamo scesi ad Ortisei per dirigerci alla funicolare. Sorvoliamo sul prezzo del biglietto di sola andata è meglio, ma per fortuna abbiamo deciso di scendere a piedi al ritorno. 

Arrivati in cima in soli 8 minuti (ah questa mania di velocità è noiosa). Iniziamo la leggera passeggiata. Arriviamo in cima, 2281m segna la cartina. Noi un po’ affaticati, è il primo giorno diamine. Lui molto tranquillo. Eccitato. 

Scendiamo dalla cima e puntiamo verso il rifugio Utia de Resciesa (qui il link ) per il pranzo. Era eccitatissimo e ha voluto farsi una foto per ricordare dove è arrivato. Nessuno della sua specie, prima di lui, si è spinto così in alto.

WhatsApp Image 2018-08-20 at 11.49.35

Dopo il pranzo ci siamo subito messi in cammino per la discesa. Le previsioni meteo davano pioggia per le 15:30 (ricordatevi questo orario). 

Il segna sentiero  ci dice che per scendere impiegheremo ca 1h e 40′ . Inizia la strada. Una bella discesa, le gambe dopo ca 40′ minuti chiedevano pietà. Via di montagna, percorribile anche col fuori strada. Incrociamo in due punti la funivia che avevamo preso la mattina. Ad un tratto, il segnavia ci dice di girare per rispettare la tabella di marcia. Altrimenti potevamo continuare allungando di un’altra ora il cammino. Le gambe, le ginocchia e la testa ci hanno fatto svoltare a destra per il sentiero in mezzo al bosco. Dapprima allietati dall’ombra e dal profumo dei cirmoli (il pino cembro), la svolta si presentava ancora più ripida di quella che avevamo lasciato (il detto chi lascia la strada vecchia per quella nuova è vero!!!). In pratica appariva come una un misto tra strada romana e letto di torrente asciutto. Sassi, ciottoli, disposti ordinatamente da mano umana. Insomma altra dura prova per le nostre articolazioni. Quelle del compagno di viaggio stavano rilassate nello zaino sulle mie spalle. 

Finita la tortura, per le ginocchia intendo, siamo arrivati al punto di partenza. Ad Ortisei, alla stazione dei bus. Il nostro partirà alle 15:35. Abbiamo una mezz’ora buona per riposarci un po’ e bere dell’acqua. 

Ci avviciniamo alla stazione dei bus. L’orologio segna le 15:28. Il bus c’è. Apre la porta anteriore per far salire ordinatamente i viaggiatori e per controllare che passassero il biglietto nella timbratrice ( obliteratrice sarebbe più corretto, ma siamo in pochi a ricordarlo). Noi in fila semi ordinata in attesa di salire. Alle 15:30 ecco che arriva la perturbazione meteo annunciata dalla mia app (vi avevo detto di ricordarvelo). Insomma nei tre minuti di attesa per salire ci siamo inzuppati come se non ci fosse un domani. Ma la cosa più comica è che capitava a noi lavoratori nel trasporto pubblico. Quasi una vendetta dei passeggeri romani. 

Saliti e tornati alla base, dopo una doccia calda per toglierci di dosso l’umidità della pioggia, ci siamo tuffati in piscina con idromassaggio. Il meritato ristoro per i camminatori. Ah il nostro amico è rimasto in camera a dormire. Era molto stanco.

Sul lettino

osteopata-lavia-milano

 

Periodicamente vado dal fisioterapista/osteopata per riallineare tutte le ossa e sciogliere qualche tensione muscolare. Ci conosciamo da molti anni, siamo stati compagni di squadra. Ha le mani d’oro. Poi a fondo articolo vi lascio l’indirizzo web così se volete potete toccare le sue mani.

Quando mi trovo sul lettino, tra una manipolazione e un’altra, parliamo del più e del meno. Oggi la conversazione è virata sul perché nella Capitale non riusciamo a valorizzare meglio il patrimonio artistico e culturale, dopo un suo soggiorno nel nord italia.  Allora rispondo che bisogna leggere la storia per capire. La storia ci dice che al romano delle antichità le ha sempre vissute come una cosa che sta lì, intrinseca al paesaggio. Nel Foro Romano pascolavano le vacche, si facevano formaggi, ci si appartava e gli stranieri (vedi Goethe) andavano matti per il trattamento che riservavamo alla storia. Ecco a Roma si usa il Colosseo come una rotatoria per le auto. Cosa c’è da aggiungere? Forse se il Colosseo fosse stato in un’altra città estera, che so Barcellona, avrebbe avuto un uso diverso (infatti a Barcellona sfruttano pure il “cantiere” della Sagrada Familia, noi non riusciamo nemmeno a costruire uno stadio!).

Tutto questo per dire che fuori dal raccordo anulare si usa un metodo diverso di conservazione e rispetto per il patrimonio culturale. Speriamo che il nostro atteggiamento cambi. Dobbiamo avere più umiltà e consapevolezza di dove siamo nati, ricordando anche l’immensa fortuna che abbiamo a vivere in una città stupenda e ricca di contraddizioni come Roma.

 

P.s.: vi metto il link dello studio di Michele, se passate da Roma consideratela come tappa alternativa al vostro viaggio.

PP.s.: vi metto anche un link su Goethe così per farvi un’idea.