Tempi moderni

jacovitti

Viviamo in un periodo storico molto complicato. Col nuovo millennio pensavamo di avere auto volanti, andare a spasso per lo spazio col Danubio blu come sottofondo. Invece facciamo i conti con una realtà ben diversa. Le auto non volano, nello spazio ci vanno ancora, e per fortuna, gli astronauti coi loro esperimenti. Noi qui sulla Terra stiamo impazzendo senza che ce ne rendiamo conto. Un po’ come la figura che ho scelto per questo articolo. Il mondo immaginario di Jacovitti non si scosta poi molto da quello attuale.

La società si sta imbrutendo. I social stanno tirando fuori quei sentimenti di intolleranza che pensavamo debellati. In realtà si erano solo assopiti nell’attesa del risveglio. Pensavamo che internet potesse rivoluzionare le nostre abitudini in meglio invece, chissà perché, non è più quel luogo libero e critico e costruttivo che era agli inizi. Si è trasformato in un immenso bar dove ognuno di noi si sente portatore della verità assoluta e insulta chi non la pensa come lui e dove non verifichiamo gli articoli che leggiamo. Le persone non riescono a capire cosa legge perché non pone attenzione quando servirebbe. Tutto si sta semplificando in una sorta di tifo da stadio.

Ecco cosa  ci manca, in tutto questo caos di informazioni, social, fotografie. Il silenzio e la solitudine.

Silenzio. Ne abbiamo bisogno.

Il nostro amico

immagine-minions-2

Vi ricordate del nostro amico giallo? quello che ci segue durante le nostre, poche, vacanze?

Bene in questi giorni sta leggendo Romeo e Giulietta di Shakespeare e ci stressa ogni giorno su Capuleti e Montecchi con Verona a fare da cornice. Insomma non passa serata che ci obbliga a sentirlo. Ci chiede informazioni, vuole che cerchiamo film su Romeo e Giulietta e che scatole! BASTA! Abbiamo deciso. La settimana prossima andiamo a Verona, almeno si tranquillizza.

Noi, intanto, stiamo studiando cartine e luoghi da vedere e dove mangiare. Se avete qualche suggerimento fateci sapere. Ovviamente come ricompensa terremo il diario dei giorni veronesi con l’amichetto giallo.